Home / Dove siamo / Romania / Ploiesti / Dal Madagascar a Ploiesti

Dal Madagascar a Ploiesti

Sono passati nove mesi da quando la nostra giovane Sorella sr. M. Solange è partita per la sua nuova missione in Romania, destinazione Ploiesti, una piccola comunità che con il suo arrivo è ora composta da tre suore.

Sr. M. Solange, proveniente dal Madagascar e residente in Italia ormai da molti anni, prima per lo studio (Scienze Infermieristiche) e poi per il servizio in Casa di Riposo ad Almese, ha accolto con entusiasmo e grande disponibilità la chiamata a partire per la Romania.

Il 7 ottobre 2012, nella Chiesa di Santa Maria di Piazza in Torino, ci siamo strette attorno a lei durante la celebrazione Eucaristica presieduta da don Paolo Ripa Di Meana, Vicario Episcopale per la Vita Consacrata emerito che al termine della concelebrazione le ha consegnato il Crocifisso dei missionari in partenza sottolineando che sarà suo compagno nelle gioie e nelle fatiche dell’annuncio della Buona Notizia.

A distanza di qualche mese sr. M. Solange ci scrive: “La nostra comunità è presente a Ploiesti da circa 20 anni, insieme cerchiamo di far conoscere il carisma della Beata Anna Michelotti, nostra Fondatrice testimoniando l’amore misericordioso e tenero di Dio per chi soffre, in particolare per i malati, ma ci rendiamo disponibili anche  per altri bisogni della gente, senza distinzione di credo religioso“.

Tra questi vi sono due fratellini – Diego e la sorellina Andreea che accompagnati dalla loro mamma, durante la stagione invernale, hanno trascorso alcuni pomeriggi alla settimana con sr. M. Solange applicandosi su semplici esercizi di matematica e grammatica. Diego ha 9 anni, ma ancora non frequenta la scuola e ora, grazie all’aiuto di sr. M. Solange, il prossimo settembre potrà finalmente inserirsi nella scuola pubblica già un po’ avvantaggiato grazie alle prime e semplici nozioni scolastiche acquisite.

Questo è lo spirito delle Piccole Serve del S. Cuore di Gesù, “esserci” con piccoli, semplici gesti per chi è in situazione di bisogno, e attraverso questi gesti vogliono essere testimoni di Colui che ci ha insegnato a portare vita là dove siamo.